[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

Scuola, Alessandra Giudici incontra i rappresentanti del Coordinamento dei precari. (venerdì 16 settembre 2011)

 

«Subito le nomine per il conferimento degli incarichi dei docenti e del personale Ata non di ruolo». È la richiesta formulata dal presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, al dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Sassari, Vincenzo Tortorella. Questa mattina il presidente ha incontrato i rappresentanti del Comitato dei precari della scuola, con cui ha discusso a lungo dei problemi del sistema dell’istruzione nel territorio provinciale. Facendo proprie le preoccupazioni di docenti e personale scolastico, Alessandra Giudici ha immediatamente preso carta e penna e si è rivolta al dirigente per chiedere che venga risolto quello che secondo gli operatori del “pianeta scuola” è uno dei problemi più urgenti, «che non fa altro che aggravare il problema dei livelli occupazionali all’interno del sistema scolastico e influenza negativamente la qualità dell’offerta didattica», come hanno spiegato i diretti interessati.

«Dall’incontro di oggi è emerso con evidenza che uno dei principali problemi che il sistema scolastico provinciale si trova ad affrontare è rappresentato dal ritardo – rispetto alla data ultima del 31 agosto fissata per legge – nella calendarizzazione delle nomine per il conferimento degli incarichi», ha scritto Alessandra Giudici subito dopo l’incontro. Ma non è il solo. Il confronto odierno restituisce infatti l’immagine di un sistema scolastico «sempre più precarizzato, le ansie e le preoccupazioni di voi operatori sono legittime e condivisibili – ha detto Alessandra Giudici a insegnanti e bidelli – per questo ribadisco l’impegno della Provincia al vostro fianco». Ad allarmare è prima di tutto il rischio imminente di un’ennesima emorragia occupazionale, rispetto alla quale «siamo pronti a intraprendere insieme a voi lo studio delle strade percorribili per impedire che la scuola del Nord Ovest Sardegna venga ulteriormente mortificata da una politica fatta solo di tagli», ha aggiunto. E insieme all’impegno, già assolto, di intercedere presso l’Ufficio scolastico regionale, Alessandra Giudici si è assunta quello di richiedere all’assessore regionale dell’Istruzione, Sergio Milia, un incontro da tenersi quanto prima.

 

[ Torna all'inizio della pagina ]