[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

Scuole nautiche, approvato il nuovo regolamento redatto in collaborazione con la Capitaneria di Porto. (giovedì 27 settembre 2012)

Adeguarsi alle nuove disposizioni normative e rendere più sicuri i mari del Nord Ovest Sardegna. Sono i due obiettivi che la Provincia di Sassari ha affidato al nuovo regolamento per la disciplina dell’attività e la vigilanza in materie di scuole nautiche, redatto con la preziosa collaborazione della Capitaneria di porto di Porto Torres e approvato di recente dal consiglio provinciale. «La vigilanza sull’attività di scuola nautica è una delle competenze trasferite alle Province in seguito al decentramento voluto dal legislatore nell’arco degli ultimi anni», afferma l’assessore provinciale dei Trasporti, Antonio Nieddu, titolare del settore che ha curato l’attività di aggiornamento del regolamento vigente. Come spiega lo stesso Nieddu, «la Provincia di Sassari aveva già un regolamento, messo a punto e approvato da pochi anni, ma in seguito alle recenti modifiche normative nel campo della nautica da diporto abbiamo avvertito la necessità di provvedere alla redazione di un nuovo regolamento, che accogliesse le nuove disposizioni nazionali».
Dalla definizione di scuola nautica alla descrizione dei suoi scopi e delle sue attività, dall’elencazione dei requisiti necessari alla esplicitazione materiale per le lezioni teoriche e per le esercitazioni e gli esami di nautica, il nuovo regolamento realizzato con l’ausilio tecnico della Capitaneria risponde con puntualità a ogni previsione della normativa così come è stata aggiornata in questi ultimi dodici mesi. Stesso discorso per quel che riguarda la vigilanza, «che per noi rappresenta soprattutto la necessità di garantire a tutti la massima sicurezza in mare – conclude l’assessore Nieddu – che dipende innanzitutto dalla preparazione teorica e pratica di chi frequenta le nostre acque».

Consulta il Regolamento

 

[ Torna all'inizio della pagina ]