[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

BUDDI BUDDI, SÌ ALLE PISTE CICLABILI: SARANNO REALIZZATE CON I SOLDI RISPARMIATI GRAZIE AL RIBASSO D’ASTA (martedì 27 novembre 2012)

BUDDI BUDDI, SÌ ALLE PISTE CICLABILI: SARANNO REALIZZATE CON I SOLDI RISPARMIATI GRAZIE AL RIBASSO D’ASTA

«I soldi risparmiati dal ribasso d’asta per realizzare le piste ciclabili lungo il primo tratto provinciale della Buddi Buddi». È l’annuncio che il presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici, formula alla vigilia di un appuntamento fondamentale per quella che lei stessa definisce «la realizzazione della più grande rete ciclabile dell’isola, che andrà da Sassari fino al mare e correrà lungo il litorale di Platamona». Lunedì verrà siglato al riguardo un apposito accordo di programma tra Regione, Provincia di Sassari e Comuni dell’area costiera: Sassari, Alghero, Castelsardo, Porto Torres, Sennori, Sorso e Stintino.
All’appuntamento fissato dal governatore Ugo Cappellacci per le 10 negli uffici sassaresi della presidenza della Regione, in via Roma, la Provincia non eserciterà solo il ruolo che le compete istituzionalmente come raccordo tra governo regionale ed enti locali nell’ambito della sottoscrizione di un accordo di programma. «Abbiamo dato fondo alle nostre casse ben al di là del segnale che ci chiedeva la Regione per impegnarsi a inserire la Buddi Buddi tra le strade da inserire nella seconda fase dell’accordo – spiega Alessandra Giudici – ora sottoscriviamo questo documento con la speranza che serva per ottenere quanto prima le risorse necessarie a completare un’opera su cui noi, comunque, stiamo già lavorando con le nostre forze».
Il lavoro svolto in questi mesi da dirigenti, funzionai e tecnici del settore Viabilità dell’amministrazione provinciale ha consentito di apportare alcune variazioni al progetto su originario del raddoppio della Buddi Buddi. «In questo modo abbiamo abbattuto alcuni costi e, soprattutto, confidiamo di tagliare anche i tempi», commenta l’assessore provinciale che ha competenza specifica sulle strade provinciali, Antonio Nieddu. «Le modifiche progettuali, che pure prevedono la realizzazione della pista ciclabile su entrambi i lati della strada non comporterà complesse operazioni di esproprio – aggiunge – perciò confidiamo che i lavori per la realizzazione delle quattro corsie e quelli per il percorso riservato alle biciclette possano completarsi contestualmente».
 

[ Torna all'inizio della pagina ]