[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

Integrazione e multiculturalità, a San Donato per “coltivare e frequentare il futuro”. (giovedì 17 ottobre 2013)

«Sostenere ogni iniziativa dedicata alla costruzione e allo sviluppo di una società più attenta, consapevole, preparata e aperta rispetto alla propria composizione multiculturale». È un obiettivo che la Provincia di Sassari persegue attraverso l’impegno intersettoriale, ideando, finanziando o patrocinando ogni progetto finalizzato alla promozione dell’integrazione in ambito culturale e sociale. Nel percorso intrapreso da alcuni anni si inserisce anche il patrocinio di “Coltivare e frequentare il futuro”, un’iniziativa realizzata congiuntamente dall’associazione “Yakaar”, che raggruppa moltissimi emigrati appartenenti alla numerosa comunità senegalese che vive in città e nel territorio, e la scuola primaria di San Donato, nel cuore del centro storico di Sassari, dove la convivenza tra culture ed etnie diverse è una realtà già assodata da anni ma non ancora completamente vissuta come straordinaria risorsa e opportunità.

L’evento è fissato per sabato 19 ottobre nella palestra della scuola elementare di San Donato, in via Fontana 3, a Sassari. L’inizio dei lavori è previsto per le 9. Durante la mattinata ci si confronterà sui temi connessi alla didattica in ambienti multiculturali e multietnici. Il dibattito muoverà a partire dalle diverse esperienze che verranno riportate attraverso gli interventi di docenti e genitori degli allievi che frequentano la scuola elementare di San Donato. Nel pomeriggio il confronto si concentrerà invece sul tema dei migranti di seconda generazione, così da approfondire le problematiche e stimolare il dibattito relativo ai diritti di cittadinanza e alla necessità di ampliarne i confini e ridefinirne l’accesso.

[ Torna all'inizio della pagina ]