[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi la Notizia

Regione, Provincia, Prefettura, USP e dirigenza scolastica: «soluzioni rapide per l’Azuni» (mercoledì 18 dicembre 2013)

Argomento:

  • Edilizia e Patrimonio |

«Lavorare perché dopo le vacanze di Natale gli studenti dell’Azuni possano tornare regolarmente a lezione, nella scuola di via Rolando o negli altri spazi che individueremo con Prefettura, Assessorato regionale della Pubblica istruzione, Ufficio scolastico provinciale e dirigenza scolastica». L’imperativo dell’assessore provinciale dell’Edilizia scolastica, Gaetano Ledda, arriva dopo il vertice di stamattina in Prefettura, cui hanno partecipato i rappresentanti del Prefetto e dell’assessore regionale, i funzionari dell’Ufficio scolastico provinciale, la dirigenza dell’Azuni e del settore Edilizia scolastica della Provincia.

Convocato dal prefetto di Sassari, il summit è servito per fare il punto su quanto accaduto la scorsa settimana al secondo piano del liceo Azuni: il deterioramento del controsoffitto, rilevato attraverso il monitoraggio dei tecnici provinciali, ha indotto alla chiusura parziale dell’edificio. Durante l’incontro è stato garantito l’impegno della Regione per trovare soluzioni rapide e individuare le risorse necessarie per ripristinare le migliori condizioni di sicurezza e garantire la ripresa delle lezioni.

«La Provincia monitora costantemente le strutture scolastiche per prevenire e mettere riparo a emergenze come questa – spiega Gaetano Ledda – ma la solerzia della Provincia si scontra con la sempre più acuta mancanza di fondi». Nonostante tutto, «i nostri uffici continueranno a svolgere tutti gli accertamenti statici e strutturali – conclude l’assessore – cercando di garantire la massima sicurezza proprio come è avvenuto sinora».

[ Torna all'inizio della pagina ]